Cosa mangiare a Catania? I 5 piatti a cui non puoi rinunciare

6 May

posted by

Categories: News & events

Comments: 0
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Cosa mangiare a Catania?

 Ecco il punto centrale da cui partire per essere certi di godersi al meglio questa bellissima città. Visitare Catania significa non solo riempirsi gli occhi di storia e architettura barocca ma anche immergersi nella sua cucina. Sfuggire a cannoli e arancini sarà impossibile perciò fate un favore a voi stessi, mettetevi il cuore in pace e deponete fin da subito le armi: dietro l’angolo c’è un paradiso di sapori pronto ad accogliervi a braccia aperte.

Noi del B&B Catania Globetrotter non possiamo dirvi cosa mangiare di buono nella nostra città, perché ci condanneremmo a una lista interminabile. Possiamo però dirvi cosa mangiare a Catania di fondamentale.

 

catania, sicilia

Storia e monumenti? Macché: la vera attrazione di Catania si chiama cibo

La prima cosa che fa ogni turista che si presenta al B&B Catania Globetrotter è andare a posare la valigia in camera.
La seconda è scendere alla reception, fare finta di informarsi su quali siano i principali monumenti da visitare… e poi affrontare la vera questione che gli sta a cuore. Quella che gli ronza in testa (e in pancia) da quando ha poggiato piede al Fontanarossa tra cactus e ’a muntagna sullo sfondo.
Una questione piuttosto spinosa, per la verità, che trova generalmente espressione nella formulazione di due domande ben precise.


#1: Dove mangiare a Catania?

Domandare dove si può andare a mangiare a Catania è un po’ come chiedere dove è possibile ammirare l’architettura barocca nella città etnea: ovunque!
Se c’è infatti una cosa che non manca a Catania sono proprio i posti dove mangiare. Ristoranti, tavole calde, trattorie e chioschi si annidano come diavoli tentatori agli angoli delle piazze e negli anfratti delle vie mettendo (letteralmente) sul piatto il meglio delle ricette catanesi. I luoghi da visitare per assaggiare le delizie culinarie che hanno reso Catania famosa in tutto il mondo sono tanti, variegati, adatti a tutti i palati e a tutte le tasche: dalle putie – le tradizionali e spartanissime trattorie dove (ri)scoprire i migliori piatti catanesi – ai ristoranti di pesce della Pescheria, dalle tavole calde specializzate nel “mordi e fuggi” di qualità ai tavolini traballanti sui marciapiedi dove fare incetta delle prelibatezze dello street food catanese, in primis sua eccellenza: la carne di cavallo.

dove mangiare a catania

Ma se con la prima domanda ce li si cava con una certa scioltezza, con la seconda la cosa si fa assai più delicata, perché trattasi di battaglia all’ultimo sangue condotta tra ricette stellate.


#2: Cosa mangiare a Catania?

La tentazione di rispondere “tutto” è molto forte, ma lasciare chi viene a Catania per la prima volta in balia di tutti i piatti tipici catanesi che trasudano bontà da ogni poro sarebbe una vera cattiveria, che condannerebbe il malcapitato di turno a un eccesso di delizie culinarie con effetti devastanti su portafogli e colesterolo.
Ecco perché il B&B Globetrotter sente come suo preciso dovere morale il far chiarezza sulla annosa questione “cibo Catania” selezionando quelli che a suo insindacabile giudizio sono i 5 pezzi da novanta della cucina catanese – i piatti irrinunciabili, quelli che in caso di toccata e fuga non possono essere tralasciati per alcuna ragione al mondo.
Eccoci quindi arrivati al punto: Cosa mangiare a Catania.
Signori e signori, ecco a voi la top parade dei piatti catanesi irrinunciabili secondo l’insindacabile giudizio del B&B Globetrotter.

1 Arancino

arancino, catania

Street food catanese per eccellenza e Re di quel luogo di perdizione che risponde al nome di “tavola calda”, l’arancino spartisce con il cannolo il primato di cibo siciliano più celebre al mondo. Quello tradizionale è fritto, a forma di goccia e ripieno di riso e ragù, da mangiarsi rigorosamente con le mani tenendolo dall’estremità più allungata. Oggi riscuote un discreto successo anche la versione light al forno e ai classici ripieni al ragù o al burro si sono aggiunti nel tempo arancini con teneri cuori al pistacchio, alle melanzane, agli spinaci e al prosciutto: decine di variazioni sul tema per un unico must incontrastato che non può mancare nella nostra lista del cosa mangiare a Catania.

.

tavola calda, catania

Per chi resta un po’ di più
Se il tempo è dalla vostra e il soggiorno a Catania abbastanza lungo da consentirvi esplorazioni culinarie a più largo raggio, sbizzarritevi con gli altri tesori della tavola calda: cartocciata, bolognese, cipollina, paté, bomba e quella cosa commovente che l’anagrafe chiama pane cunzato. Da perderci la testa.

2 Cannolo

cannolo catanese

Se appartenete a quell’esigua fetta di sfortunata umanità che vede nel cibo un puro mezzo di sostentamento anziché uno dei privilegi di questo vecchio pazzo mondo siate pronti a ricredervi. Se esiste un cibo in odore di misticismo questo è il cannolo siciliano: più che un dolce un affronto al colesterolo.
Per rendere omaggio al suo frutto divino per eccellenza la Sicilia si è inventata decine di varianti e il cannolo catanese è uno dei più apprezzati con il suo ripieno di ricotta fresca di pecora zuccherata (la ricotta, non la pecora), l’abbondante granella di pistacchio alle due estremità e l’immancabile spruzzatina di zucchero a velo.

Granita e brioche, colazione a catania

Per chi resta un po’ di più
Basterebbe il cannolo a render ragione di un viaggio a Catania, ma se vi fermate più di un giorno in città fatevi un favore: concedetevi qualche altra incursione in questo sconfinato mondo di dolcezza. La cassata è un classico che andrebbe gustato in silenziosa contemplazione, ma anche la frutta martorana e la cassatella di Sant’Agata meritano tutta la vostra attenzione. Se poi volete sentirvi dei veri catanesi fate colazione seduti davanti al Duomo o al passeggio di via Etnea di fronte a una granita con brioche.

3 Frutti di mare

frutti di mare, catania

Vi basterà fare un giro la mattina presto alla Pescheria, il mercato del pesce di Catania, per rendervi conto di quanto ampia sia l’offerta dei frutti di mare che fanno bella mostra sui banchi dei pescivendoli. Ostriche, vongole veraci, telline, fasolari, canolicchi, amirutti di mare, occhi di bue… frutti di mare freschissimi da consumare così, crudi, come il Buon Dio li ha fatti, oppure abbinati a uno degli ottimi piatti di pasta catanese. 

sarde beccafico, catania

Per chi resta un po’ di più
La sera la Pescheria si riempie dei tavolini dei ristoranti di pesce che mettono sulla carta (e sulla tavola) bellissimi e freschissimi esemplari di pesce spada e tonno alla brace, ottime sarde al beccafico e le caratteristiche (e un po’ illegali) polpettine di neonati, oltre naturalmente a una ricca offerta di molluschi e crostacei che non vi lascerà insoddisfatti.

4 Pasta alla Norma

pasta alla norma, catania

Cosa mangiare a Catania di più catanese della Pasta alla Norma? “Pasta” in catanese si dice infatti “pasta alla Norma”. L’arte di trasformare un semplice piatto di pasta secca (i maccheroni, solitamente, ma anche gli spaghetti) in un capolavoro di bontà è tutto merito del condimento che attinge ai più gustosi ingredienti della dieta mediterranea: pomodoro, basilico, melanzane fritte (preferibilmente quelle “panciute” color viola chiaro) e una generosa spolverata di ricotta salata. (Ecco la ricetta tradizionale per preparare la Pasta alla Norma!)
La pasta alla Norma celebra nel nome e nell’ispirazione divina l’omonima opera del celebre e amatissimo catanese Vincenzo Bellini e non assaggiarla potrebbe essere un errore di cui pentirsi amaramente.

caponata, catania

Per chi resta un po’ di più
Qualche giorno in più nella città etnea sarà occasione unica per assaggiare anche altri primi di gran spessore, come la pasta al nero di seppia, al pistacchio, al pesce spada e allo scoglio.
Ma se non volete ritrovarvi afflitti da rimorsi inconsolabili concedetevi anche qualche antipasto DOC della cucina catanese, come un’insalata di arance, una parmigiana e soprattutto un’abbondante porzione di caponata, occasione unica e rara di scoprire che sapore ha un piatto di cui esistono la bellezza di 37 ricette in tutta la Sicilia!

5 Carne di cavallo

panino carne di cavallo, catania

Eccola qui colei che fa fuggire i palati vegani come la peste e attira quelli onnivori come api al miele. La carne di cavallo è più di un piatto catanese: è il sapore di Catania, la sua tradizione, la sua anima. In tutte le taglie e in tutte le forme – dalle polpette alle salsicce – è la Regina dell’arrusti e mangia, il celebre street food catanese. E se anche l’idea di affondare i denti nella dolce carne equina è lontana mille miglia dalle vostre intenzioni, una sera concedetevi ugualmente un giro per via Plebiscito, la via che circonda e delimita il centro di Catania, per uno spaccato genuino e inimitabile del folklore di questa città.

cipollata, catania

Per chi resta un po’ di più
Sebbene i ristoranti vegetariani e vegani prendano sempre più piede spandendo un alone salutista sulla città, Catania è ancora molto carnivora, con tagli e tipologie di carne speziate, ammollate e arrostite per tutti i gusti.
Se siete tra coloro che amano le proteine animali che colano grasso e bontà la cipollata non vi deluderà di certo e vi lascerà con il curioso interrogativo di come faccia un semplice involtino di pancetta e cipollotto cotto sulla brace a spedirvi dritti in Paradiso.

 

Aiutaci ad allungare la nostra classifica con altri piatti catanesi imperdibili… tu quale sceglieresti? Scrivilo nei commenti qui sotto!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Contact us